BUON COMPLEANNO ANTONIO
I nostri colori
Gemellaggio
I Sondaggi
Iscriviti Online
Oggi e' il compleanno di
Fanta Podistica
Gare dell'anno
In giro per il mondo
La nostra bella Deruta
Meteo
Circuiti Umbria










Avis
Facebook
La nostra mascotte

STRETCHING SI O STRETCHING NO

Negli ultimi anni lo stretching è diventato un argomento sempre più dibattuto tra ricercatori, allenatori e atleti. Alcuni lo valorizzano e lo esaltano, altri non lo ritengono più molto importante ai fini della prestazione. A mio parere la pratica dello stretching è fondamentale perché permette di migliorare la mobilità articolare e la funzionalità muscolare. Le ultime ricerche sull’argomento consigliano di non utilizzare lo stretching statico all’inizio dell’allenamento, quando invece è preferibile quello dinamico, bensì al termine, come mezzo defaticante. L’obiettivo dello stretching dinamico è quello di migliorare i limiti della flessibilità articolare con movimenti molleggiati e oscillanti attorno alla “barriera motoria fisiologica” dell’articolazione. Quest’ultima delimita l’ampiezza di movimento attivo ed è determinata dalle caratteristiche muscolo-tendinee del praticante. Questa barriera non va confusa con la “barriera elastica” che è invece il limite di movimento che si ottiene passivamente attraverso lo stretching passivo.